About

foto profilo.jpg

Un lavoro per valorizzare opere originali e raggiungere un pubblico più 

vasto possibile.

Daniele Marotta fumettista e illustratore, dirige la Scuola di Fumetto e Scrittura di Siena. Da sempre interessato a sperimentare linguaggio e canali di divulgazione culturale ha fondato nel 2018 il Collettivo Bandagialla e oggi, nel 2021, Inkdrop Studio per dare vita a progetti editoriali che arrivino all'editoria tradizionale dopo un percorso sperimentale nell'autoproduzione, in mercati specifici o nel crowdfunding internazionale.

Foto di Eolo Perfido

Perché cercare soluzioni editoriali alternative?

Ogni libro è un'esperienza unica con necessità specifiche. Ci sono libri più forti in contesti specifici, come la narrativa di genere, o determinate aree geografiche, altri che parlano agilmente  solo la propria lingua madre, altri ancora invece che possono arrivare facilmente a lettori di tutto il mondo. Queste caratteristiche sono già presenti nel modo in cui un'opera viene concepita e poi prodotta. L'intento e la sensibilità dell'autore già destinano un libro a mercati specifici, e, sbagliare l'area d'elezione di un'opera può decretarne la prematura scomparsa o, al contrario, piantare un libro nel giusto terreno può far crescere un robusto caso letterario.

Inkdrop Studio nasce nel cuore della Scuola di Fumetto e Scrittura di Siena e si propone l'obbiettivo di curare libri specifici che possano trarre il meglio da mercati adatti. Per vocazione cerchiamo di studiare il giusto ambiente editoriale per gli autori e gli artisti che passano dalla scuola e dallo studio. Non è più necessario che tutti i progetti seguano la stessa strada. Opere mainstream che trattano temi di interesse generale possono facilmente vedere coronato il rapposto con un editore serio, testi indipendenti e originali possono trovare la strada dell'autoproduzione e l'autore può diffonderlo online o alle fiere di settore facendosi una base di pubblico che potrebbe rendere quel progetto artistico solido e appetibile per il mercato mainstream. Progetti di forte interesse locale possono essere distribuiti facilmente e fare, in comunità definite, i numeri di un titolo nazionale; infine opere dal respiro globale possono trovare nel crowdfunding un primo ricco battesimo editoriale. Pensiamo ad opere che possano avere le ali giuste per volare lontano, questo è quello che ci piace fare.