Hans Christian Andersen

L'OMBRA

Il genio classico Hans Christian Andersen incontra l'intelligenza artificiale. 

Nello studio Inkdrop, abbiamo inserito questa graphic novel tra i nostri progetti 2022-2023 da realizzare con gouache o con colori opachi digitali. Leggendo la storia di Andersen alcuni anni fa, abbiamo pensato che fosse. senza alcun dubbio, una storia fatta per la narrazione visiva. 

A maggio abbiamo scoperto i softwares di pittura basati sull'intelligenza artificiale e a giugno abbiamo incontrato Midjourney: l'intelligenza artificiale al servizio dell'arte.

"L'Ombra" si adattava perfettamente alla sfida da affrontare in questo modo nuovo, per il tono classico e la natura enigmatica dell'ombra. Questo confine tra la realtà e il suo lato negativo parla delle relazioni umane tra le persone e tra noi stessi e anche del rapporto tra esseri umani e tecnologia, motivo per cui siamo qui.

The Book italiano 1.png

Chi è chi tra l'ombra e la persona? Questo racconto utilizza uno specchio deformato per rappresentare un ritratto grottesco della condizione umana. Tutto è raccontato in tinte forti, sapori, temperature, odori. Dal calore dell'apertura, al freddo inverno del regno della principessa, il lettore è circondato da forti suggestioni. Abbiamo immaginato un viaggio nelle fantasie pittoriche di questo racconto in toni classici, guidando l'i.a. in un contesto specifico: la pittura romantica europea. 

La sfida di una graphic novel veramente pittorica resa reale. Fino ad ora era impossibile ed economicamente insostenibile realizzare un fumetto con dipinti originali. Questo libro cerca di rompere questi confini, per darti l'esperienza di immergerti in una storia evocativa fatta di dipinti incredibili. Il processo è solo parzialmente automatico infatti i risultati originali generati da I.A. sono trattati come ritagli di collage e assemblati insieme e magistralmente ritoccati per dare coerenza e correttezza narrativa allo storytelling visivo.

35.jpg
Midjourney.png

La comunità artistica globale è in subbuglio poiché, all'inizio dell'estate 2022, i programmi per creare immagini da descrizioni testuali, sono arrivati nelle fasi beta del loro sviluppo.

Midjourney è un laboratorio di ricerca indipendente che esplora nuovi mezzi, un team autofinanziato focalizzato sul design, l'infrastruttura umana e l'intelligenza artificiale.

Unendosi alla beta dal sito web www.midjourney.com ogni utente può sperimentare l'arte visiva in pochi secondi, semplicemente scrivendo '/imagine' nel prompt di un'interfaccia e digitando una descrizione testuale di ciò che vuole che sia realizzato, in quale luce, colori o stile. Può anche emulare gli stili dei grandi artisti, anche quelli viventi.

È facile immaginare un'enorme rivoluzione delle arti visive all'orizzonte.

Illustratori e concept artist realistici vedono il loro lavoro in gioco come i ritrattisti hanno fatto nei primi anni della fotografia.

Le riviste iniziano già a utilizzare l'arte di Midjourney per copertine o illustrazioni di articoli.

Questo agosto, un'immagine di Midjourney chiamata "Théâtre d'Opéra Spatial" ha vinto il primo posto nel concorso di arte digitale alla Colorado State Fair 2022. Jason Allen, che ha scritto il prompt che ha portato Midjourney a generare l'immagine, ha stampato l'immagine su una tela e l'ha inserita nel concorso. Altri artisti digitali sono rimasti sconvolti dalla notizia.

Se dicessi a un antico scriba egiziano che un giorno a tutti potrebbe essere insegnato a scrivere liberamente il loro testo, sicuramente impazzirebbe a pensare alla fine della sua casta e sentimenti simili catturarono artisti accademici che osservavano la libertà dei movimenti d'avanguardia alla fine del 1800 a Parigi.

Il gioco cambierà di nuovo e da qualche parte in futuro tutti coloro che hanno una giusta immaginazione potrebbero essere un da Vinci, e nuove abilità saranno preziose per l'arte come le interazioni dell'interfaccia.

Siamo spaventati ed esaltati nel vedere cosa sta succedendo.

38.jpg